CI VUOLE UN SORRISO! LETTURE 3

IL VESTITO DELLA TERRA Un tempo la Terra aveva una veste sontuosa: boschi immensi, giardini e fiumi. Sulla Terra giocava il vento, che era un bimbo vivace, e non vivevano che bestiole gentili: colombi, cigni, pecore.Ma Jar, il cattivo gigante che abitava sulla Stella Rossa, trovò che sulla Terra ci fossero troppa bellezza e troppa pace e con un’asta lunghissima strappò al nostro povero pianeta il suo abito splendido.Il Cielo, però, ebbe pietà della povera Terra, rimasta nuda e solitaria. Tagliò un gran pezzo del suo raso azzurro e glielo diede in dono.Quindi Pink, il buon gigante che abitava sulla Stella Turchina, trasformò il raso in un luminoso mantello di acqua azzurra. Nacque così il mare. Poi Pink gettò nel mare isole immense e isole piccole, le vestì di alberi e di fiori e le popolò di bestie.Così il mondo ritornò bello e placido.Fiabe e leggende balcaniche, a cura di Marina Spano, Edizioni Principato Apri la storia!Anche il mito può essere diviso in tre parti: inizio, sviluppo e conclusione. Individuale nel testo e separale con una riga.Sottolinea nel testo il tempo, il luogo e i personaggi con i colori suggeriti. IL MITO IN MAPPAIL MITO ha lo scopo di...• spiegare l’origine del mondo, dell’uomo e delle cose• spiegare eventi e fenomeni naturali• narrare imprese sovrumaneè un RACCONTO fantastico con:elementi fondamentaliPersonaggi• dei• eroi• elementi naturali personificati• persone realiLuogo• indefinito• primordiale• immaginarioTempo• imprecisato• alle origini del mondostruttura per sequenzeInizio • il fenomeno o l’elemento di cui si parla non esiste o è diverso da oggiSviluppo• accadono fatti immaginari e straordinariConclusione• si arriva a spiegare l’elemento o il fenomeno così com’è oggi

IL VESTITO DELLA TERRA

Un tempo la Terra aveva una veste sontuosa: boschi immensi, giardini e fiumi. Sulla Terra giocava il vento, che era un bimbo vivace, e non vivevano che bestiole gentili: colombi, cigni, pecore.
Ma Jar, il cattivo gigante che abitava sulla Stella Rossa, trovò che sulla Terra ci fossero troppa bellezza e troppa pace e con un’asta lunghissima strappò al nostro povero pianeta il suo abito splendido.
Il Cielo, però, ebbe pietà della povera Terra, rimasta nuda e solitaria. Tagliò un gran pezzo del suo raso azzurro e glielo diede in dono.
Quindi Pink, il buon gigante che abitava sulla Stella Turchina, trasformò il raso in un luminoso mantello di acqua azzurra. Nacque così il mare. Poi Pink gettò nel mare isole immense e isole piccole, le vestì di alberi e di fiori e le popolò di bestie.
Così il mondo ritornò bello e placido.
Fiabe e leggende balcaniche, a cura di Marina Spano, Edizioni Principato

IL MITO IN MAPPA

IL MITO ha lo scopo di...
• spiegare l’origine del mondo, dell’uomo e delle cose
• spiegare eventi e fenomeni naturali
• narrare imprese sovrumane

è un RACCONTO fantastico con:
elementi fondamentali
Personaggi
• dei
• eroi
• elementi naturali personificati
• persone reali
Luogo
• indefinito
• primordiale
• immaginario
Tempo
• imprecisato
• alle origini del mondo

struttura per sequenze
Inizio 
• il fenomeno o l’elemento di cui si parla non esiste o è diverso da oggi
Sviluppo
• accadono fatti immaginari e straordinari
Conclusione
• si arriva a spiegare l’elemento o il fenomeno così com’è oggi