CI VUOLE UN SORRISO! LETTURE 3

QUANDO I MERLI ERANO BIANCHI - Che freddo! - dice il nipotino al nonno.- Non devi meravigliarti - risponde il nonno. - Sono i giorni della merla.- I giorni della merla? Perché si chiamano così?- Devi sapere - comincia a raccontare il nonno - che un tempo tutti i merli erano bianchi, anzi, bianchissimi, come la luna in una notte senza nuvole. Durante un inverno terribilmente freddo, il 29 gennaio, due giovani merli, un maschio e una femmina, cercavano di ripararsi dal gelo. Non avevano che un nido di ramoscelli intrecciati; decisero allora di infilarsi in un camino. Il rifugio era buio e stretto, ma il fuoco acceso in basso lo rendeva tiepido. Trovato il rimedio al freddo, bisognava però risolvere il problema della fame. Coraggioso e innamorato, il giovane merlo si avventurò fuori. Ci vollero tre giorni di fatiche per trovare qualcosa da mangiare. Quando il merlo tornò nel camino era ormai il primo di febbraio.Ad accoglierlo trovò una merla scurissima: la fuliggine aveva completamente annerito le sue piume. Non solo: da allora e per sempre, tutti i merli che nascono, nascono neri. Ecco perché i tre giorni tra il 29 e il 31 gennaio, che la merla passò ad annerirsi nel camino, si chiamano i giorni della merla.«Erasmo. Il mio primo quotidiano»LEGGO E CAPISCOTu hai mai sentito parlare dei «giorni della merla»?Secondo te:sono i giorni più freddi dell’annosono i giorni in cui nascono i merliCAPISCO LE PAROLELa fuliggine è:il fumo che esce dal caminolo strato nerastro di carbone che si deposita sulle pareti interne del camino



QUANDO I MERLI ERANO BIANCHI



- Che freddo! - dice il nipotino al nonno.
- Non devi meravigliarti - risponde il nonno. - Sono i giorni della merla.
- I giorni della merla? Perché si chiamano così?
- Devi sapere - comincia a raccontare il nonno - che un tempo tutti i merli erano bianchi, anzi, bianchissimi, come la luna in una notte senza nuvole. Durante un inverno terribilmente freddo, il 29 gennaio, due giovani merli, un maschio e una femmina, cercavano di ripararsi dal gelo. Non avevano che un nido di ramoscelli intrecciati; decisero allora di infilarsi in un camino. Il rifugio era buio e stretto, ma il fuoco acceso in basso lo rendeva tiepido. Trovato il rimedio al freddo, bisognava però risolvere il problema della fame. Coraggioso e innamorato, il giovane merlo si avventurò fuori. Ci vollero tre giorni di fatiche per trovare qualcosa da mangiare. Quando il merlo tornò nel camino era ormai il primo di febbraio.
Ad accoglierlo trovò una merla scurissima: la fuliggine aveva completamente annerito le sue piume. Non solo: da allora e per sempre, tutti i merli che nascono, nascono neri. Ecco perché i tre giorni tra il 29 e il 31 gennaio, che la merla passò ad annerirsi nel camino, si chiamano i giorni della merla.
«Erasmo. Il mio primo quotidiano»

LEGGO E CAPISCO
Tu hai mai sentito parlare dei «giorni della merla»?
Secondo te:
sono i giorni più freddi dell’anno
sono i giorni in cui nascono i merli

CAPISCO LE PAROLE
La fuliggine è:
il fumo che esce dal camino
lo strato nerastro di carbone che si deposita sulle pareti interne del camino