Vita da gatta

VITA DA GATTA Sono una gatta: pelo corto, zampa fine, occhi gialli e tondi come biglie. Nera come l’inchiostro. Sono veloce e curiosa, come ogni gatto. Quando sono felice faccio le fusa anche senza essere sfiorata, e le faccio così forte da sembrare un motorino acceso; quando mi emoziono mi viene la cresta: una striscia di pelo dritto dalla testa alla coda. Perciò mi sono guadagnata anche il soprannome di Puzzola! Vivo nella casa in cima alla collina. Durante il giorno vado a caccia di lucertole, la sera rientro solo quando mi chiamano. - Oliviaaa! -Drizzo le orecchie al suono della voce. E poi, di colpo, corro attraverso il campo delle lepri, passo l’orto di Natalino, balzo sulla tettoia verde, poi su per la salita alla velocità della luce, passo accanto al noce, entro nel cortile, salgo le scale d’un tuffo, raspo alla porta se la trovo chiusa. Salto sul davanzale della finestra e resto immobile, come quando mi apposto per la caccia. Poi qualcuno si accorge di me e apre la porta: - Olivia! Ma dov’eri? - e a quel punto saluto con il mio inconfondibile miagolio. La mia padrona dice che è il verso più dolce e più bello mai udito sulla Terra. Federica Bartoletti, Storie di gatti, Editrice Piccoli Apri la storia!Per descrivere un animale devi osservare com’è il suo aspetto fisico e qual è il suo comportamento.LEGGO E SCRIVOCompleta la descrizione dell’aspetto fisico della gatta.Pelo ...Zampa ...Occhi ...e...come ....Nera come ... LEGGO E SCRIVOCompleta la descrizione del comportamento di Olivia.Olivia quando è felice fa le . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .Quando si emoziona fa la . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .Di giorno va a caccia di . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .La sera rientra quando la . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

VITA DA GATTA

Sono una gatta: pelo corto, zampa fine, occhi gialli e tondi come biglie. Nera come l’inchiostro.
Sono veloce e curiosa, come ogni gatto.
Quando sono felice faccio le fusa anche senza essere sfiorata, e le faccio così forte da sembrare un motorino acceso; quando mi emoziono mi viene la cresta: una striscia di pelo dritto dalla testa alla coda. Perciò mi sono guadagnata anche il soprannome di Puzzola!
Vivo nella casa in cima alla collina. Durante il giorno vado a caccia di lucertole, la sera rientro solo quando mi chiamano.
- Oliviaaa! -
Drizzo le orecchie al suono della voce. E poi, di colpo, corro attraverso il campo delle lepri, passo l’orto di Natalino, balzo sulla tettoia verde, poi su per la salita alla velocità della luce, passo accanto al noce, entro nel cortile, salgo le scale d’un tuffo, raspo alla porta se la trovo chiusa. Salto sul davanzale della finestra e resto immobile, come quando mi apposto per la caccia. Poi qualcuno si accorge di me e apre la porta:
- Olivia! Ma dov’eri? - e a quel punto saluto con il mio inconfondibile miagolio. La mia padrona dice che è il verso più dolce e più bello mai udito sulla Terra.
Federica Bartoletti, Storie di gatti, Editrice Piccoli

Apri la storia!
Per descrivere un animale devi osservare com’è il suo aspetto fisico e qual è il suo comportamento.

LEGGO E SCRIVO
Completa la descrizione dell’aspetto fisico della gatta.
Pelo ...

Zampa ...

Occhi ...
e...
come ....

Nera come ...
LEGGO E SCRIVO
Completa la descrizione del comportamento di Olivia.
Olivia quando è felice fa le . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Quando si emoziona fa la . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Di giorno va a caccia di . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La sera rientra quando la . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .