Nebbiolina amica

NEBBIOLINA AMICA Gli strani rumori della foresta spaventano la giovane lepre.Che cosa sarà quel sc… sc… che ora sente alle spalle?Forse una foglia morta che è caduta su altre foglie morte.E questo insolito puf…?Potrebbe essere una pigna che rotola giù per il pendio.E quel tic… tic… martellante?Saranno le ghiande che cadono al suolo.Sì, tutti questi strani rumori si possono anche spiegare… però la lepre continua a essere preoccupata. Per fortuna ora si sta formando la nebbia.Quanto le piace tutto quel bianco che avvolge la campagna: la lepre potrà ora correre attraverso prati e campi senza essere vista!Per orientarsi, le basterà fiutare le sue vecchie tracce.E grazie a questa nebbiolina amica potrà introdursi nel frutteto del villaggio, anche in pieno giorno!Anne-Marie Dalmais, 366… e più storie della natura, Fabbri Editori CAPISCO LE PAROLEEsistono parole che esprimono i rumori che ha sentito la lepre.Sc… sc… è un fruscio, cioè un rumore molto leggero causato da oggetti che sfregano uno contro l’altro.Puf… è un tonfo, cioè un rumore causato da qualcosa che cade.Tic… tic… è un ticchettio, cioè un rumore secco che si ripete e che ricorda quello dell’orologio.LEGGO E CAPISCOQuali rumori ha sentito la lepre nel bosco?Ha sentito il rumore di una . . . . . . . . . . . . . . . . . che . . . . . . . . . . . . . ., di una . . . . . . . . . . . . . che rotola e delle . . . . . . . . . . . . . . . che . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

NEBBIOLINA AMICA

Gli strani rumori della foresta spaventano la giovane lepre.
Che cosa sarà quel sc… sc… che ora sente alle spalle?
Forse una foglia morta che è caduta su altre foglie morte.
E questo insolito puf…?
Potrebbe essere una pigna che rotola giù per il pendio.
E quel tic… tic… martellante?
Saranno le ghiande che cadono al suolo.
Sì, tutti questi strani rumori si possono anche spiegare… però la lepre continua a essere preoccupata. Per fortuna ora si sta formando la nebbia.
Quanto le piace tutto quel bianco che avvolge la campagna: la lepre potrà ora correre attraverso prati e campi senza essere vista!
Per orientarsi, le basterà fiutare le sue vecchie tracce.
E grazie a questa nebbiolina amica potrà introdursi nel frutteto del villaggio, anche in pieno giorno!
Anne-Marie Dalmais, 366… e più storie della natura, Fabbri Editori
CAPISCO LE PAROLE
Esistono parole che esprimono i rumori che ha sentito la lepre.
Sc… sc… è un fruscio, cioè un rumore molto leggero causato da oggetti che sfregano uno contro l’altro.
Puf… è un tonfo, cioè un rumore causato da qualcosa che cade.
Tic… tic… è un ticchettio, cioè un rumore secco che si ripete e che ricorda quello dell’orologio.

LEGGO E CAPISCO
Quali rumori ha sentito la lepre nel bosco?
Ha sentito il rumore di una . . . . . . . . . . . . . . . . . che . . . . . . . . . . . . . ., di una . . . . . . . . . . . . . che rotola e delle . . . . . . . . . . . . . . . che . . . . . . . . . . . . . . . . . . .